BAGNo D'amore:

 

 

 

Un'incredibile viaggio dentro noi stessi, tra il sonno e la veglia.

 

Si entra facilmente in uno stato di presenza particolare

 

nel quale si ampliano le percezioni.

 

Abbiamo così la possibilità di contattare

 

la nostra parte più profonda e saggia.

 

Impariamo a vivere un più grande amore per noi stessi.

 

 

 

Una delle esperienze passive più evolutive che io conosca.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CLICCA QUI' per il CALENDARIO delle SERATE

 

è consigliato vestirsi di bianco,

se non hai nulla, anche una sciarpa, un foular.....

 

 

 

 

 

 

 

IL GONG

 


...Più che uno strumento,

 

è uno spazio che si apre,

 

dentro e fuori,

 

nel quale possono succedere incredibili cose.

 

 

 

 

Il sacro Gong è lo spirito che canta, e scioglie le catene della personalità.


È la canzone dell’anima, che manda impulsi evolutivi ai nostri corpi,

 

quello fisico, quello emotivo, quello mentale e quello spirituale,

 

portando alla luce Possibilità e Potenziali.

 


Ascolta le mille voci del Gong,

 

ma non con le orecchie, con tutto il tuo essere...

 

senti le sue pulsazioni evocative,

 

lascia che infinite vibrazioni danzino e fluiscano attraverso i sensi.

 

 

Tutto questo, attraverso il tuo amare per te,

 

porta forza, pace e guarigione.

 

 

Come un massaggio profondo e duraturo

 

che accorda il nostro corpo fisico… scordato,

 

troppo spesso costretto e, appunto, dimenticato.

 

 

 

 

 

nicola renica

 

 

 

 

Il Gong è uno strumento antico,

 

di Verità,

 

che gli sciamani usavano già 4000 anni fa

 

per il suo potere straordinario di trasformazione evolutiva.

 

 

 

 

 

-------

 

 

 

 

Ecco una breve spiegazione della legge di risonanza e un breve BAGNO DI SUONI

 

Il video è stato realizzato a Los Angeles

 

nell' Agosto 2012 per

 

ONE EATH PRACTICE

 

una pratica per la Terra: una meditazione in mondovisione.

 

Se hai una connessione lenta clicca su HD per disattivare l'alta definizione

 

 

 

 

 

 

 

NB: dal vivo cambia radicalmente la qualità di percezione dei suoni per due ragioni:

  1. Dal vivo sarai in uno stato di profondo rilassamento che ti fa vivere molto diversamente l'esperienza sonora.
  2. Dal vivo i suoni non sono filtrati dal microfono della videocamera che permette di registrare solo una parte davvero molto limitata delle frequenze

Quindi il suono che senti in questo video non rende assolutamentel'idea di ciò che può essere in realtà, ed ascoltarlo in uno stato normale, di veglia può risultare inascoltabile, come le musiche dei monaci tibetani che soltanto con un ascolto meditativo, vengono comprese e godute.

 

 

................................................................................................................................

 

IN SINTESI, QUEL CHE PORTA IL GONG

 

 

 

  • Amore più profondo per se stessi nel quotidiano
  • Pulizia, purificazione da vecchi e inutili pensieri ed emozioni anche antiche.
  • Rapido raggiungimento di uno stato di profondo rilassamento meditativo, con la possibilità di diventare consapevoli di non essere i nostri pensieri.
  • I suoni conducono dolcemente In uno stato di profondo rilassamento, a metà tra il sonno e la veglia...come quando ci si sta per addormentare, e il nostro inconscio inizia a produrre sogni, e contemporaneamente possiamo ancora avere pensieri.
  • Possono emergere vissuti consci e inconsci, con la possibilità di liberarsi così dalle tensioni, dalle contrazioni e dai blocchi interiori, dalle paure e dai limiti che pensiamo di avere.
  • Ogni singola cellula del corpo viene massaggiata dolcemente e stimolata a riarmonizzarsi.
  • Chi vede l'aura dice che all'inizio si vede un blu simile a quello dell'anestesia, che corrisponde alla parte in cui i suoni sono fatti per condurre ad un profondo stato di rilassamento... poi segue una fase di pulizia a livello sottile, con il colore verde, infine arrivano il violetto e l'oro: le persone hanno creato spazio e quindi possono ricevere le energie del divino. Alla fine tutte le aure dei partecipanti sono più radianti, omogenee, ed unite.
  • Le energie sprecate nell'inutile controllo quotidiano vengono liberate e ciò produce una nuova forza e gioia di vivere percepibile nei giorni seguenti.

 

 

Nicola Renica

 

 

 

 

 

IL GONG, in breve, DAI COMMENTI DI CHI LO RICEVE

 

Ogni volta è un'esperienza profondamente diversa.... perchè noi siamo diversi.

 

Le persone che partecipano infatti riportano ogni volta esperienze e sensazioni molto diverse... è impossibile riportare tutta la ricchezza e la varietà di esperienze, faccio qualche esempio:

Spesso ci permette di vivere noi stessi fuori dai limiti del corpo fisico, come ad esempio sentirsi sollevati, sospesi in aria, oppure sprofondare, diventando Terra oppure Acqua.

Si può percepire un tempo sospeso, e un'ora di suoni ci lascia la sensazione che siano durati 10 minuti. L'inconscio produce immagini e sensazioni utili alla propria evoluzione... proprio come di notte i sogni danno forma a vissuti inconsci e questa attività fondamentale, ci permette di vivere la nostra vita di tutti i giorni.

 

I suoni permettono di svelare i fili del passato che ancora ci legano, limitandoci.

A livello fisico, qualcuno sente vecchi dolori fisici dimenticati che ci condizionano quotidianamente senza che ce ne accorgiamo. Così sensazioni di dolore o di piacere tornano durante la sessione, si fanno sentire per venire finalmente liberati.

Qualcuno ha la sensazione delle vibrazioni, nelle varie parti del corpo, a seconda dei diversi suoni. Si possono liberare sensibilmente le vie respiratorie, il bacino, ecc...

 

A livello emotivo qualcuno si commuove, oppure, finalmente, emergono pianti nascosti da anni, che per tutto questo tempo si sono presi la nostra energia vitale... qualcuno sente emergere rabbia, fastidio.... qualcuno invece piacere ...qualcuno ride, contattando emozioni di felicità e leggerezza.

 

A livello mentale qualcuno dice di avere avuto incessanti pensieri senza senso.... ma la cosa importante è che a differenza della vita quotidiana, ci si accorge di averli, e non si crede di essere ciò che si pensa... ma ci si osserva nell'attività del pensare! Qualcuno ha immagini di colori in movimento, di forme, ricordi, immagini di persone o animali, luoghi come foreste, templi, sensazioni di volare tra le stelle, di essere cullati dalle onde, ecc...

 

A livello spirituale qualcuno ha intuizioni e riceve soluzioni rispetto a situazioni della loro vita.

Qualcuno risuona contattando emozioni superiori come una profonda gioia, un senso di unione con gli esseri, con il Tutto. Emerge spontaneamente un profondo silenzio e una quiete preziosa, che la meditazione regala soltanto dopo molti anni di pratica.

 

Qualcuno ha dei vissuti di disagio che molto spesso però sono liberatori, e portano nei giorni seguenti ad avere più energia a disposizione e a sensazioni di grande pace, o di grande forza.

Qualcuno si annoia! ...e gli sembra che non succeda nulla! In realtà, le informazioni contenute nelle vibrazioni arrivano a tutti i livelli e comunque, anche senza che la persona se ne renda conto a livello conscio. Queste persone, per lo meno, possono sentire le vibrazioni nel proprio corpo, come un massaggio vero e proprio.... ma comunque, nel loro quoridiano, potranno osservare i cambiamenti, gli aggiornamenti del sistema.

 

Per tutti è la possibilità di imparare a lasciarsi andare, nel Bagno di Suoni, come nella vita, ad un livello più profondo di fiducia... è uno dei tanti modi attraverso i quali possiamo imparare ad essere pronti a tutto, finalmente, pronti a qualunque cosa... e ricevere tutto l'Amore e la Bellezza che i maestri ci dicono sia Qui ed Ora.... ma che non possiamo percepire se non sappiamo sintonizzarci su quella frequenza.

 

Nel tempo, le percezioni delle vibrazioni si affinano, e l'ascolto diventa sempre più profondo.

 

 

 

---

 

 

 

Un grande grazie a Alessia Buelli,

che ci dona questo meraviglioso acquerello

realizzato per descrivere quello che ha provato

nel suo secondo Bagno d'Amore che ha fatto

con Sonosuono.

 

 

 

 

--- °---

 

 

 

Un sentito ringraziamento anche a Mariastefania Facchinetti,

che ci dona questa meravigliosa poesia

ispirata da questa esperienza:

 

 

UNICO


Tanto ho visto già

per giungere allo straordinario


Esperienza esterrefatta di

Morte


Ci sono ancora

Ci sono ancora

Ci sono ancora


Ci sarò ancora dopo la Morte


Volo d’oro di gong su di me

Penetrazione vibrante

La materia è onda nel Suono


Nulla è più.


Cellule coscienti di me immerse nell’Amplesso del Tutto


 

Mariastefania

 

 

 

 

 

IL GONG, STRUMENTO MUSICALE, STRUMENTO EVOLUTIVO

 

 

 

Sono il Custode di questi Gong

 

Nicola Renica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gong Stagg da 27 pollici

 

in Fa, di fabbricazione cinese. Chiamati "tam tam" o anche "chau gong". E' stato il mio primo acquisto in assoluto, lo amo!

Al centro c'è un simbolo che mi è arrivato intuitivamente e mi piace molto. lo adoro soprattutto per le sue incredibili voci che riesco a fare con le palline.... riesco a riprodurre dei mormorii che assomigliano a quelli uditi prima di nascere, nell'utero. Poi è un Gong con una personalità sua: in alcune serate resta muto, nonostante io lo inviti a suonare, in altre ha davvero molte cose da dire: utili informazioni da far risuonare!

 

 

 

 

Wind Gong da 1 metro: ricchissimo di armonici elevati, e suon profondi, molto evocativo. E' quello che sento più mio, ancor più da quando vi ho scolpito sopra il simbolo del seme della vita. Mi ha seguito persino in Brasile... non avrei potuto suonare senza averlo al mio fianco.

 

Paiste Sole: nonostante io non ami molto i Gong della Paiste, trovo che si integrino bene nel lavoro energetico che conduco. L'ho comprato in Germania... ho fatto un lungo viaggio per verificarne la qualità del suono e se era affine a me. Ora al posto del simbolo nero, stampato dall'azienda produttrice, ha un simbolo solare luminoso, fresato da me: molto meglio!

 

Paiste sinfonico: Il Gong che ho suonato nelle mie prime esperienze presso il centro GAYA di Roberta Pagliani. L'avevo noleggiato per poter iniziare a fare eventi, nell'attesa che arrivassero gli altri Gong prenotati. Scaduto il tempo di noleggio l'ho restituito. Sono riuscito a stare senza per un mese e mezzo... ma poi ho venduto i Gong che avevo prenotato e sono tornato a prenderlo per "sempre" ! Nel cuore ho fresato il simbolo del la Dea: il futuro è molto più femminile del passato che conosciamo.... finalmente questo Gong ha ritrovato la sua natura!

 

Sound Creation: sono convinto che questo modello sia il tentativo della Paiste di imitare i Wind Gong Artigianali cinesi. Ho fatto incidere una scritta in cinese: "il bene è arrivato": prima di morire Buddha aveva ordinato ai suoi discepoli di andare nel mondo e scrivere questa frase sui Gong.

 

 

 

NB: il numero dei Gong non è proporzionale alla bravura di chi li suona.

 

 

 

 

 

 

 

 

LA SERATA:

Tu non dovrai fare nulla, pensa soltanto a lasciarti andare.

 

Alle mie serate consiglio di vestirsi di bianco, se non tutti, almeno in parte.... o con una sciarpa, un foular... la coperta. Mi sono accorto che lavoro meglio, e poi vestirsi di bianco è una delle cose esteriori che possiamo fare, che ci può aiutare a sintonizzarci sull'amore, sulla sacralità, sul vivere con una certa attenzione il momento presente.

 

Ognuno steso sul tappetino, avvolto nella propria coperta, si lascia andare al mare di profonde vibrazioni che scaturiscono da questo potente strumento, dal canto armonico, dalle ciotole tibetane e da altri strumenti musicali ancestrali.

 

Segue infine un momento di SILENZIO e poi di risveglio, seguito da un'eventuale condivisione in cui chi vuole, può raccontare agli altri quello che è successo durante la sessione o fare delle domande riguardo l'esperienza vissuta.

 

Non è tanto importante dare spiegazioni logiche a ciò che ci è successo, quanto invece osservare nei giorni seguenti cosa è cambiato nella nostra vita. Quando cambiamo noi, cambia tutto il mondo: aumentando la comprensione di chi siamo e di ciò che abbiamo intorno, aumentano le informazioni che rileviamo e le “solite cose” non sono più le stesse.

 

Ci vuole tempo perchè le cellule integrino tutte le informazioni armoniche ricevute dai suoni,

per questo la cadenza sarà mensile. Questa cadenza va mediamente bene per la maggior parte delle persone... non c'è comunque una frequenza consigliata, il consiglio semmai è quello di ascoltarsi per sentire quando è il momento di immergersi nuovamente in queste vibrazioni... Questo tempo tra un bagno di Suoni e l'altro non solo varia da persona a persona ma cambia anche nel tempo.

 

Non c'è nessun tipo di controindicazioni per le madri in attea, quando mi chiedono a proposito, rimando sempre la responsabilità alla madre: usa il tuo sesto senso, l'intuito che hai ti sta già dicendo cosa è meglio per voi. Non cè nessuno che può saperemeglio di te cosa va bene e cosa no in questo momento della tua vita e in altri..

 

Se sei interessato a partecipare a questi incontri,

oppure a portare nella tua sede i Bagni di Suoni con i Gong,

mandami una mail, oppure chiamami dopo le 16 al 328-9686808

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CLICCA QUI' per il CALENDARIO delle SERATE

 

 

 

 

 

Condividi:

Share